Mangia e bevi

Pizzoccheri, taroz, sciatt, bresaola, polenta taragna, selvaggina, salumi, formaggi stagionati e burro d’alpe a go-go.
Nota dolente le calorie.
Non si preoccuppino gli amici vegetariani: verdure degli orti di casa, frutti di bosco, funghi come se piovessero, mele, uva, fichi, noci e castagne.
Per digerire un infuso di Achillea Montana (aneda), un liquore di Artemisia (genepy) o un grappino.
Si dice che ci sia l’assenzio, ma come sapete è proibito.
I menù nei validi ristoranti dei paraggi non sono scritti dall’enigmista che sogna “master chef” ed eviterete assalti notturni al frigorifero come spesso accade di ritorno da ristoranti stellati troppo attenti alla presentazione del piatto.

Si beve altrettanto bene: Sfurzat, Sassella, Grumello, Inferno. Capiterà di farlo in normali calici o dal “ciapel” di legno, dopo aver spinato il vino dalla botte di una rustica cantina. Si eviterà così lo stress e la boria di chi cerca di trasformare una millenaria piacevolissima attività in una questione di alta filosofia morale. Ricordiamo anche a costo di esser tacciati di ignoranza che “el vin l’è facc per bef minga per usmaa” ossia il vino è fatto per essere bevuto, non annusato.
Concludendo,  mangierete e berrete bene!

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...